Pagine

mercoledì 22 luglio 2009

3,40 a.m.

Stanotte è una notte di quelle che non si riesce a dormire senza un motivo ben preciso, di colpo ti svegli nel cuore della notte, cerchi di riprendere sonno il prima possibile, poi timidamente alla porta bussa un pensiero di quelli che vorresti scrivere di getto.
Gli dici di non entrare, ma lui finta di non sentire le tue parole, allora lo implori, perché sai che i pensieri sono come le ciliege, uno tira l'altro, gli dici di passare un'altra volta magari ad un'altra ora un po' più decente, adesso devi dormire, hai bisogno come l'aria di riposare, domani ti aspetta un'altra giornata intensa...

...ecco lo sapevi... ti ritrovi con la penna in mano, almeno hai la decenza di non accendere la tua porta al mondo virtuale...a te in fondo spesso piace scrivere alla vecchia maniera, poi magari ritrascrivi tutto tramite tastiera in un secondo momento.
Cerci così di dare sfogo a questo tuo bisogno impellente senza andare a stimolare quello di cui adesso non hai minimamente bisogno, ti liberi solamente di un qualcosa che preme e che vuole uscire fuori, come un bisogno fisiologico notturno...

Scrivere è come dare pace ad una pallina impazzita di un vecchio flipper nel momento che sei stanco di continuare tra rimbalzi e bonus, alla fine trovi un senso compiuto nel vedere scendere in picchiata la pallina diritta verso di te nella buca, e il "game over" potrebbe essere un tranquillo "vai in pace".
Si, ma cosa era tanto importante da voler scrivere nel cuore della notte?

Ve lo dirò un'altra volta, mi sono accorta proprio adesso che ho già scritto un post....
'notte.... :)

4 commenti:

Debora ha detto...

Ciao Pimpinella!!
scrivi sempre molto bene, è molto accattivante, e non ti nascondo che non vedo l'ora di leggere il seguito!!!
Un abbraccio!!!

MACRHO' EcoLife ha detto...

Scrivere è come dare pace ad una pallina impazziata di un vecchio flipper... metafore che rendono l'idea!Complimenti per il post

STANDBY ha detto...

Faccio spesso anch'io così: prima il vecchio, indimenticabile, cartaceo poi la tastiera.
Scrivi bene e sei personale, scrivi a ritmi alterni e non sei prevedibile. Per me sei perfetta. Ciao

Pimpinella ha detto...

sono cinque minuti che scrivo e scancello, scrivo e scancello....
insomma...
I vostri commenti sono proprio carini, scrivo per piacere mio personale ma è bello sapere che qualcuno gradisce....:)
per me è come un nuovo esperimento...

grazie!

Posta un commento